Vieni e Vedi

Veglia delle Stimmate 2016

Veglia delle Stimmate 2016

L’amore ferito

Perciò, ecco, la attirerò a me, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore. Le renderò le sue vigne e trasformerò la valle di Acòr in porta di speranza. Là canterà come nei giorni della sua giovinezza, come quando uscì dal paese d’Egitto. E avverrà in quel giorno – oracolo del Signore – mi chiamerai: Marito mio, e non mi chiamerai più: Mio padrone. Le toglierò dalla bocca i nomi dei Baal, che non saranno più ricordati. In quel tempo farò per loro un’alleanza con le bestie della terra e gli uccelli del cielo e con i rettili del suolo; arco e spada e guerra eliminerò dal paese; e li farò riposare tranquilli. Ti farò mia sposa per sempre, ti farò mia sposa nella giustizia e nel diritto, nella benevolenza e nell’amore, ti fidanzerò con me nella fedeltà e tu conoscerai il Signore. E avverrà in quel giorno – oracolo del Signore – io risponderò al cielo ed esso risponderà alla terra; la terra risponderà con il grano, il vino nuovo e l’olio e questi risponderanno a Izreèl. Io li seminerò di nuovo per me nel paese e amerò Non-amata; e a Non-mio-popolo dirò: Popolo mio, ed egli mi dirà: Mio Dio. (Osea 2)

Veglia delle Stimmate 2016 1Con questo brano del profeta Osea, fr. Francesco Piloni ha introdotto la sua catechesi alla nostra Veglia delle Stimmate  con la quale abbiamo iniziato il nostro ritiro dal titolo L’amore ferito.

A conclusione delle sue parole ci siamo messi in cammino verso il Santuario della Verna dove, dopo la messa presieduta dal nostro Ministro Generale fr. Michael Perry, abbiamo vegliato tutta la notte in preghiera e adorazione.

Riportiamo l’audio dell’intera catechesi.

Guarda le foto della Veglia delle Stimmate 2016

Vieni e Vedi

23 Feb

Casa sulla roccia

Gio
Ore
Min
Sec